Valentino Rossi: la Leggenda continua

Valentino Rossi: la Leggenda continua

Era da un po’ di tempo che volevo scrivere qualcosa su Valentino Rossi. Per chi mi conosce sa che Valentino è una sorta di divinità a casa mia, quindi era passato troppo tempo dall’ultimo articolo che gli avevo dedicato. L’ultima volta ne avevo parlato, sempre nella mia rubrica, dopo l’infortunio che gli impedì di partecipare al GP di Misano del 2017. Per chi avesse piacere di leggerlo ve lo linko qua: Valentino Rossi: Il tempo per vincere non è ancora finito.

Parto con il dire che l’anno prossimo, più precisamente il 16 febbraio 2019, Valentino Rossi compirà 40 anni. Qualcuno meno appassionato di MotoGP potrebbe dirmi: ” E quindi? Cosa c’è di tanto speciale nel compiere 40 anni?”.

“Gli piacciono le motociclette, la competizione, l’ambiente, è difficile ritirarsi. È bravo, è ancora veloce ed è felice, perché non dovrebbe continuare?” Giacomo Agostini su Valentino Rossi.

C’è di speciale che corre nel Mondiale MotoGP, il campionato di motociclismo più difficile e competitivo di tutti, con delle moto che vanno a 350 km/h e che fisicamente ti portano sempre al limite e lo fa sempre con i migliori al mondo che hanno 10/15 anni meno di lui. L’età media dei piloti in pista nel 2019 nella sola MotoGP – escluso Rossi – sarà di 26 anni con soli 5 over 30 (6, contando Rossi) al via. A questi dati se aggiungessimo anche l’età di Valentino la media salirebbe di ben due anni portandosi a 28. Il pilota più giovane in pista sarà il francese Quartararo, classe 1999, vent’anni giusti meno di Valentino.

Il nove volte campione del mondo nel 2019 affronterà la sua ventitreesima stagione nel Motomondiale: solo questo dato lo rende una Leggenda,  se poi ci mettessimo a parlare di tutto quello che ha vinto, l’articolo non finirebbe più.

E’ un pilota impressionante. Basti pensare all’ultimo GP di Malesia: correre 15 giri con una differenza fra un giro e l’altro che non ha mai superato il decimo di secondo, con un caldo infernale a 40°C… Sono rimasto scioccato“. Jorge Lorenzo su Valentino Rossi.

Quello su cui vorrei soffermarmi di più in questo articolo è la forza mentale e fisica di reggere questi ritmi dopo tutti questi anni di carriera sempre al top: non è una cosa comune, è una cosa unica, da fuoriclasse assoluto. A 39 anni, nonostante una moto inferiore (e quindi un limite tecnico non indifferente) è ancora lì a lottare con i migliori e dopo un risultato negativo ha sempre la forza di rialzarsi per riprovarci la gara successiva.

“Ha trovato un modo per essere sempre motivato, anche se considerando il calendario MotoGP è difficile. È incredibile il modo in cui trova la motivazione per preparare la stagione, quando magari arrivi a casa e vuoi solo riposarti, lui continua a lavorare. Penso che sarà competitivo anche nelle prossime due stagioni” Kevin Schwantz su Valentino Rossi.

Dopo più di vent’anni di carriera, 9 Mondiali, una fama internazionale, un patrimonio da capogiro, ma chi glielo fa fare? Perché non smettere e godersi tutto quello che ha?

Perché il mondo del Motomondiale è la sua vita e ne è follemente innamorato, non ci sono altri motivi, a 39 anni ha più passione di quando ne aveva 20. Come si fa a non ammirare uno cosi? Sportivamente parlando NON si può non ammirarlo.

“Quello che sta facendo a 39 anni difficilmente si potrà ripetere in futuro. È incredibile come mantenga la motivazione, la voglia di migliorarsi, di essere veloce in pista. Questo è ammirevole” Marc Marquez su Valentino Rossi.

La cosa che mi ha fatto riflettere più volte in questa stagione, dove spesso è stato il miglior pilota Yamaha in pista, è come la gente riesca ancora a criticarlo. Mettersi in gioco a 39 anni , quando sai che la tua carriera non durerà ancora per molto, è da ammirare in ogni caso, merita tutto il rispetto sportivo possibile. Anche perché il motociclismo è uno sport pericoloso, dove serve una concentrazione altissima e una lucidità costante, quindi prendersi certi rischi dopo una carriera che era già leggendaria dieci anni fa non è cosa di poco conto.

Quello che sta facendo Valentino adesso è qualcosa di veramente straordinario, personalmente penso di ammirarlo ora più che mai. Credo che negli ultimi anni abbia dimostrato dei valori umani che non sono da tutti e sinceramente spero continui ancora per molto, cosa non impossibile visto il suo stato di forma.